Quesito

Oggetto: richiesta parere art. 6 "Tempistica degli Accordi Integrativi Regionali" AACCNN MMG e PLS dell'8 luglio 2010.

Si fa seguito alla nota giÓ trasmessa dallo scrivente ufficio, e al parere da codesta struttura pronunciato in data 1 marzo 2012 prot. n. 174/2012, per chiedere di specificare ulteriormente il punto 1 con riferimento sia i medici di medicina generale che ai pediatri di libera scelta.

In particolare gli artt. 8 e 10 indicano l'anno 2010, quale termine iniziale di decorrenza degli incrementi 2010, ma non un termine finale.
Pertanto, si richiede, se corrisposte le quote di cui all'art. 8 e 10 AACCNN 8 luglio 2010 relativamente agli anni 2010 e 2011, gli stessi importi vadano a regime e, in particolare costituiscano un incremento della quota capitaria di cui alla tabella B, oppure vadano riconosciuti ai singoli medici esclusivamente una tantum, avuto riguardo all'anno di corresponsione degli importi.

Inoltre, considerato che l'Assessorato ha intenzione di avviare le trattative per il rinnovo degli AIR, le risorse eventualmente disponibili per l'anno 2010 potrebbero essere destinate a tale finalitÓ?

[omissis]

Risposta

Roma, 11 giugno 2012

Prot. n. 432/2012

In relazione alla Vs alla nota trasmessa a mezzo fax, pari oggetto, prot. [omissis] del [omissis], si rappresenta che, in ottemperanza a quanto stabilito dall'art. 46, comma 1 del D.Lgs. 30 marzo 2001, n. 165 ed in combinato disposto con l'art. 52, comma 27 della L. 27 dicembre 2002, n. 289, allo scopo di garantire l'omogenea applicazione della disciplina negoziale, la SISAC fornisce assistenza alle pubbliche amministrazioni per il tramite di pareri di carattere generale, in risposta a quesiti inerenti clausole negoziali controverse degli AA.CC.NN. dei settori in rapporto di convenzionamento col SSN.

Con riguardo alla ulteriore richiesta avanzata da codesta Regione, rispetto al precedente quesito giÓ esitato con nota SISAC prot. n. 174 del 1 marzo 2012, si segnala che il dubbio prospettato non attiene l'interpretazione delle clausole negoziali vigenti quanto piuttosto ai principi che regolano gli accordi collettivi nazionali di lavoro.

Questi ultimi, come tutte le discipline negoziali regolanti il rapporto di lavoro previste dalla vigente legislazione italiana, qualora non dispongano diversamente in modo specifico, prevedono che gli incrementi riconosciuti vengano assunti a regime dal termine di decorrenza indicato.

Pertanto gli incrementi previsti rispettivamente dall'art. 8 ACN 8 luglio 2010 per la disciplina dei rapporti con i medici di medicina generale e dall'art. 10 ACN 8 luglio 2010 per la disciplina dei rapporti con i pediatri di libera scelta rappresentano incrementi previsti a regime a decorrere dalle date indicate.

[omissis]